Questo sito utilizza cookie e tecnologie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione sul sito www.alimentigatti.it senza modificare le impostazioni dei cookie accetti le nostre politiche sulla privacy, che puoi vedere nel dettaglio al link http://www.alimentigatti.it/cookie-policy

Stampa

Snack per gatti scontati del 30-40-50%

Snack per cani e gatti in offerta fino ad esaurimento scorte. Snack al prosciutto Camon, sportsnack e snack funzionali GimDog, salsicce Camon, snack funzionali GimCat, stick salmone o pollo per gatti.

Snack per gatti scontati del 30-40-50%

Stampa

Il microchip per il tuo gatto, istruzioni per l'uso

Per il gatto, il microchip è obbligatorio solo ai fini del rilascio del Passaporto Europeo: in tutti gli altri casi, la sua applicazione è assolutamente facoltativa. In Italia, di solito, l'installazione del microchip viene accompagnata dall'iscrizione del gatto presso l'Anagrafe Nazionale Felina.

L'Anagrafe è una banca dati informatizzata istituita dall' "A.N.M.V.I.", ovvero l'Associazione Nazionale dei Medici Veterinari Italiani; trattandosi di un'istituzione privata e non di un ente pubblico, l'iscrizione del gatto non è un obbligo ma avviene solo su base volontaria, ed è caldamente raccomandata nel caso in cui al gatto sia - abitualmente o in modo saltuario - consentito di allontanarsi da casa.

Per ogni gatto iscritto, i registri dell'Anagrafe riportano i riferimenti segnaletici (età, razza, ecc.), il numero del microchip e i dati anagrafici del proprietario: nell'eventualità di furto o smarrimento, quindi, basta far riferimento a questa banca dati per agevolare il ritrovamento del micio.

A questo scopo, l'iscrizione all'Anagrafe deve essere contestuale all'impianto del microchip: all'interno di questo minuscolo dispositivo, infatti, è contenuto un codice univoco di 15 cifre, tramite il quale è possibile identificare l'animale.

L'impianto del microchip è una procedura veterinaria, e come tale deve essere eseguito esclusivamente da un veterinario autorizzato.

L'intervento non è doloroso per il gatto, e richiede sedazione solo in caso di soggetto particolarmente ansioso; se il tuo gatto è un tipo tranquillo, quindi, non necessiterà di alcuna anestesia.

 Il microchip per il tuo gatto, istruzioni per l'uso

Il microchip è una capsula trasparente biocompatibile che, una volta inoculata, non provoca alcun tipo di fastidio. Di norma, viene inserito sul collo; nei gattini, si preferisce posizionarlo fra le scapole. La procedura è una prestazione a pagamento, il cui costo varia da veterinario a veterinario.

Per iscrivere il tuo micio all'Anagrafe, dovrai recarti presso uno dei veterinari aderenti: per trovare quello più vicino a te, ti basterà consultare l'elenco presente sul sito ufficiale.

Qualsiasi successiva variazione dei dati identificativi (cambio di indirizzo, recapito telefonico, ecc.) deve essere comunicata tempestivamente, così che il veterinario possa eseguire le opportune modifiche. Stesso dicasi in caso di decesso del gatto: in questa circostanza, viene eseguita la cancellazione dai registri dell’Anagrafe.

Ma quali sono le procedure da seguire in caso di smarrimento o ritrovamento di un gatto?

Quando un gatto con microchip viene smarrito, il proprietario deve rivolgersi ad un veterinario aderente per effettuare la segnalazione sul database dell'Anagrafe.

Chi ritrova, invece, deve innanzitutto avvisare le autorità competenti e verificare, presso un qualsiasi veterinario iscritto all'Ordine o presso i servizi veterinari della ASL, che il micio sia effettivamente dotato di microchip. Per la lettura del dispositivo, il gatto dovrà essere portato da un veterinario aderente all'Anagrafe, che provvederà ad identificare il micio e a contattare il relativo proprietario.

Ulteriori informazioni >>

Stampa

Cibo secco ed umido per gatti Oasy e Lifecat in offerta fino a Natale

Gentile Cliente, le offerte della settimana sono tutte riservate al tuo gatto. Su Pet Shop Store puoi acquistare le crocchette della linea Oasy scontate del 35%, disponibili nei gusti Adult Pollo, Adult Salmone e Adult Sterilized Pollo, tutte nelle convenienti confezioni da 7,5 kg.

Inoltre, abbiamo in offerta le lattine di cibo umido LifeCat da 85 gr, scontate del 30%, nei gusti Tonno con Gamberetti, Tonno e Aragosta e Tonno e Fegatini di Pollo.

Cibo secco ed umido per gatti Oasy e Lifecat in offerta fino a Natale

 

Cibo secco ed umido per gatti Oasy e Lifecat in offerta fino a Natale

Stampa

Cosa c'è di meglio che adottare un Ragdoll?

Se hai già un Ragdoll, prima o poi potresti sorprenderti a pensare: e se ne adottassi un altro? E' perfettamente normale: il Ragdoll rende la tua vita talmente piena e felice che è impossibile resistere alla tentazione di "raddoppiare" questa carica di energia positiva.

In più, il Ragdoll è la bontà fatta gatto: nel suo caso, quindi, non ti troverai ad affrontare le difficoltà che solitamente insorgono quando si inserisce in casa un nuovo animale domestico. Il Ragdoll è dolce, accogliente e ben disposto: di fronte al nuovo arrivato, quindi, il suo atteggiamento sarà estremamente accomodante.

Lo stesso dicasi per il secondo micio: essendo un Ragdoll, si ambienterà in modo pressoché immediato. Col passare dei giorni, noterai lo sbocciare di una bella amicizia: i due fratellini, praticamente inseparabili, condivideranno giochi, coccole e scoperte. E, cosa molto importante, si faranno compagnia.

 Cosa c'è di meglio che adottare un Ragdoll? Adottarne due!

Ciò che maggiormente preoccupa i proprietari riguarda l'eventualità di lasciar solo il proprio Ragdoll, anche se soltanto per poche ore; questo delicato micio, si sa, soffre la solitudine quasi patologicamente. Con un secondo Ragdoll in casa, il problema è risolto! Unico accorgimento: distribuisci in modo equilibrato le tue attenzioni, così da evitare che l'uno si senta trascurato a favore dell'altro.

Alcuni proprietari esitano nell'adottare un secondo gatto perché scoraggiati dalla prospettiva che due pelosi costituiscano un impegno troppo gravoso. Se questa perplessità è in linea generale infondata, lo è a maggior ragione nel caso del Ragdoll.

Esattamente come qualsiasi altro gatto, il Ragdoll è autosufficiente per la maggior parte dei suoi bisogni e non richiede cure particolari. Inoltre, anche quando giocano, i gatti di questa razza mantengono un atteggiamento equilibrato e tranquillo: non dovrai, quindi, temere che i tuoi due Ragdoll combinino danni in casa.

Solo, fai attenzione che non si facciano male: il Ragdoll è un gatto piuttosto "incosciente", incapace di cadere in piedi e di "fiutare" il pericolo. Predisponi quindi un ambiente privo di rischi per proteggere l'incolumità dei due mici. Fatto questo, non ti resta che goderti la tua doppia dose di gioia, affetto e calore.

Per saperne di più >>